La capacità di dare e ricevere feedback, un processo che continua ad attirare l’attenzione di molti professionisti e delle imprese.

La capacità di dare e soprattutto di ricevere feedback in modo adeguato sta acquisendo sempre maggiore importanza per le persone e per le imprese. Per quanto esperti di marketing e formatori, abbiano contribuito a diffonderne l’utilità, essa rappresenta ancora un ostacolo e una esperienza difficile da sopportare e digerire (come evidenziato dagli articoli apparsi sul Sole24Ore l’11/03/2019 https://www.ilsole24ore.com/art/management/2019-01-15/saper-accettare-feedback-aziende-vale-come-tesoro–152427.shtml?rlabs=1 e il 19/03/2019 https://www.ilsole24ore.com/art/management/2019-01-24/ecco-perche-feedback-e-diverso-giudicare-o-esprimere-un-opinione-145847.shtml?uuid=AEO2UHLH). Vediamo perché.

Il Feedback positivo e negativo

Prima di tutto, nel caso di dare feedback, è bene ricordare che il feedback va offerto per la crescita delle persone e dei gruppi che vengono affidate ad un leader. Non è uno strumento di controllo o di potere e non rappresenta la soluzione allo sfogo di emotività represse o frustrate, quali la rabbia, l’insoddisfazione o l’abbattimento per insuccesso o scarsa efficacia personale e di gruppo.

Meglio se si tratta di critica sandwich, ovvero, che mette in luce un’area di miglioramento, tra due apprezzamenti di punti di forza. Necessari l’accompagnamento di tutte le componenti della comunicazione, verbale, non verbale e paraverbale. Fortemente consigliati il rapporto empatico positivo e l’approccio che procede all’acquisizione di autoconsapevolezza basata sulle domande a step approfonditi. Aiuta saper assumere una comunicazione assertiva, una transazione Ok-Ok, in cui entrambi i soggetti sono psicologicamente sullo stesso piano e “alla pari”.

Saper ricevere feedback è altrettanto importante ed ha a che fare soprattutto con il livello di autostima. Infatti, sebbene sia ben posto come poc’anzi indicato, spesso il feedback ferisce chi lo riceve nell’orgoglio, ovvero in quella parte della persona che rappresenta l’ego, l’immagine idealizzata del sé. Un feedback eccessivo e non curato, può accrescere la percezione di discrepanza tra il sé reale e il sé percepito e idealizzato, creando disagio.

Saper ricevere e accogliere le critiche, consente di ridimensionare e riallineare le due prospettive, in un’ottica di armonia e benessere interiore ed esteriore (immagine). Un feedback funzionale, infatti, consente di accrescere la propria autostima, che è la capacità di avere fiducia e di credere in se stessi, pur riconoscendo i propri limiti e la propria necessità di evoluzione.

Avere la capacità di ricevere feedback per le persone e per le organizzazione, inoltre, è un’opportunità molto vantaggiosa per conoscere le proprie aree di miglioramento e per acquisire informazioni verso cui indirizzare la propria strategia di crescita.

Rafforzare la propria autostima consente di focalizzare le energie sugli obiettivi di crescita, anche grazie alla consapevolezza dei successi pregressi sullo stesso focus o su altri risultati già ottenuti.

“Non paragonarti a nessuno, tieni la testa ben alta e ricorda: non sei né migliore né peggiore degli altri, semplicemente sei tu e questo non lo può superare nessuno. ”-Anonimo-

Emanuela Megli

Tags:

©2016  M74SOLUTION Srl - P.IVA 07872240721 - PRIVACY POLICY

Sede Operativa Via Nicolai, 16 - Bari | ArchiMake

ADV StudioARTESIA.it

Log in with your credentials

Forgot your details?